Il fatto d'arme che si fece il terzo dì

16.10.15 0 Commenti A+ a-

Il facto d'arme che si fece il terzo dì fa, passéte con pocho ordine et obedientia, e li nostri deportarono molto vilmente e tristamente, oltre che attesero a sacchezzare li carriaggi dell'inimici; presertim li Stratioti quando dovevano attendere a fare facti d'armi. Nel conflicto si può judicare che li francesi sìano molto miliore gente delle nostre, le quali nostre gente si sono invilite e molto perdute d'animo, sebbene li nostri però non hanno avuto la peggiore. Dell'un campo e dell'altro sono morte più di 3000 persone et infiniti cavalli. La nostra è stata gran perdita per li molti capi che sono stati morti. Li Francesi sono passati el Taro, e li nostri sono restati di là dal Taro.

A scrivere è Lorenzo di Monzaniga, l'8 luglio 1495, riportando la battaglia di Fornovo dal punto di vista della Lega Italica.

Mi sono accorto di non aver scritto molto ultimamente e, in attesa di pubblicare il seguito degli appunti sulla prostituzione nel XV secolo, voglio fare il verso al delizioso Project1400 che si legge sempre avidamente. Spero non se la prendano (e non abbiano già pubblicato questo passo).